eMail: Flag IT Sign inSign in
Menu

Naturale vs Sintetico

Le cadute e le scivolate degli atleti fanno parte della regolare attività di gioco.

Le caviglie risentono la instabilità della superficieLe caviglie risentono la instabilità della superficie

I campi in erba naturale, con una adeguata manutenzione, sono considerati ancora oggi la superficie sportiva ideale per la maggior parte dei giocatori per merito di una migliore interazione dei taccheti con la superficie. Tuttavia, ci sono dei rischi se l'erba naturale non è ben ancorata al terreno, se sono presenti buche pericolose o se il drenaggio dell'acqua non è adeguato. Distorsioni alle caviglie si possono verificare quando le radici dell'erba non sono abbastanza forti e le zolle d'erba si sollevano. Nel mese di febbraio 2012 la Barcellona fece una protesta formale alla UEFA per le condizioni dello stadio di San Siro dove pochi giorni prima erano state posate le nuove zolle d'erba naturale. Il trapianto delle zolle d'erba naturale non è risolutiva e comporta numerosi rischi anche dal punto di vista logistico perché spesso si fa fuori stagione. Il trapianto delle zolle richiede inoltre una manutenzione intensiva per far radicare nuovamente le zolle trapiantate nel nuovo sito. Negli stadi dei professinisti, si privileggiano le zolle d'erba con spessore di 40 mm per poter giocare subito ed è quasi impossibile farle radicare perché manca proprio la corretta areazione dell'apparato radicale pur bucando frequentemente. Nello stadio di Trieste che manteniamo egregiamente, la maggior parte delle zolle che si sollevano sono concentrate nell'area dove sono state cambiate le zolle nella primavera passata.

I campi in erba sintetica non sono la soluzione migliore per giocare in sicurezza

L'erba sintetica comporta maggiori rischiL'erba sintetica comporta maggiori rischi

Un studio recentemente pubblicato sull'American Journal of Sports Medicine ha dimostrato che i calciatori delle divisioni II e III del NCAA hanno il 63% di probabilità in più di avere lesioni del legamento crociato anteriore (LCA) e i calciatori della divisione I del NCAA hanno quasi 3 volte più probabilità di avere lesioni del legamento crociato posteriore (LCP) quando giocano su erba sintetica rispetto all'erba naturale.

Recenti ricerche pubblicate sull'American Journal of Sports Medicine hanno scoperto che tra il 2012 e il 2016, tra gli atleti d'elite della NFL, il 16% in più di lesioni alla parte inferiore del corpo su erba sintetica rispetto all'erba naturale. Se tutte le partite della NFL giocate su erba sintetica fossero giocate su erba erbosa durante il periodo di studio, ci si aspetterebbero 319 lesioni in meno alla parte inferiore del corpo.

Nelle pavimentazioni sintetiche si notano spesso abrasioni sulla pelle. Inoltre, il timore della caduta impedisce alla maggior parte degli atleti di giocare in serenità. Osserviamo un gioco diverso perché tendono a passare il pallone di prima, invece di "giocarlo" e le marcature in scivolata sono piuttosto rare. Uno studio negli USA ha dimostrato che le bruciature sull'erba sintetica aumentano sensibilmente sopra i 30°C della pavimentazione sportiva; lo stesso studio ha dimostrato che la pavimentazione in erba sintetica è più calda persino dell'asfalto e supera i 70°C. Fonte www.aces.nmsu.edu

La maggior parte dei giocatori avverte dolori sulla colonna vertebrale per il ritorno dell'energia dalle pavimentazioni sintetiche.

Il più grande pericolo spesso occulto è l'accumulo di eccessivo calore sulla pavimentazione sportiva che provoca un affaticamento precoce e rischi di esaurimento da calore oltre ovviamente ad abrasioni sulla pelle nel caso di cadute. L'esaurimento da calore è la condizione più comunemente osservata legata al caldo in popolazioni attive che vanno dagli atleti agli escursionisti. Essa è definita come l'incapacità di continuare esercizio durante il caldo dovuta a insufficienza cardiovascolare (sangue non abbastanza pompato al cuore) e l'esaurimento di energia che possono o non possono essere associati con collasso fisico. Insufficienza cardiovascolare si riferisce a quando il cuore ha difficoltà a fornire sufficiente sangue ossigenato a tutti gli organi di lavoro e dei muscoli ed è aggravata dalla disidratazione tramite sudorazione estrema senza sostituire i liquidi durante l'esercizio. Esaurimento da calore è una delle patologie più comuni riportate nei climi caldi. 

Il controllo della pala è migliore su erba naturaleIl controllo della pala è migliore su erba naturale

Il campo ibrido POWERgrass offre un grip migliore dell'erba naturale senza buche

L'erba ibrida POWERgrass è in grado di incrementare sensibilmente la sicurezza dei giocatori! Le prerogative ideali per giocare in sicurezza sono quando la superficie ha una ottima trazione nel range di 30-65 N ed è morbida nel range 65-85G misurato con il martello di Clegg da 2,25 kg. Il POWERgrass rende più facile mantenere la superficie in questi range ottimali per il gioco, perché il suo backing è morbido e protegge le radici favorendo lo sviluppo in profondità che impedisce la costipazione dello substrato inferiore. La superficie da gioco rimane morbida e sopporta un maggior numero di gioco prima che l'uso intensivo richiede un intervento meccanico di dissodamento. La compottazione è limitata nel substrato superiore al backing, pertanto si rende più facile mantenere la superficie morbida con un semplice passaggio di un rullo chiodato.

Chiedi un preventivo senza impegno, è semplice e veloce!

Tutti i campi sono obbligatori!

» Nota informativa sulla privacy (GDPR - European General Data Protection Regulation 679/2016)

Attenzione: la compilazione e invio di questo modulo elettronico sottintende l'accettazione di quanto indicato nella nota informativa sul trattamento dei dati!

POWERgrass in the world

POWERgrass hybrid turf fieldPOWERgrass hybrid turf field

Synthetic turf fieldSynthetic turf field