eMail: Flag IT Sign inSign in
Menu

La piramide della salute delle piante

John Kempf è stato uno dei pionieri per diffondere il metodo di agricoltura rigenerativa ed è il fondatore di AEA (Advancing Eco Agriculture). John sostiene che “le piante sane possono diventare completamente resistenti alle malattie ed agli insetti”. Nei suoi video spiega che le piante, apparentemente sane, si possono suddividere in quattro livelli di salute nella piramide della salute delle piante e quali sono i risultati ottenuti ad ogni livello raggiunto. Spiega inoltre il ruolo dell’attività biologica nel terreno e le strategie per arrivare progressivamente un livello di salute superiore, accompagnando il tecnico nel suo percorso con numerosi altri video con approfondimenti.

L’obbiettivo primario è quello di ottimizzare la produzione, ridurre drasticamente l’uso di pesticidi e diserbanti e dei concimi sintetici. Questo è possibile attraverso il nutrimento bilanciato delle piante con prodotti organo-minerali che mantengono in equilibrio una simbiosi di benefici reciproci tra le piante e gli microorganismi. Gli strumenti di misurazione a nostra disposizione oggi ci permettono di comprendere con una buona approssimazione quello che accade nella pianta. Nel passato, l’Agronomo era costretto ad affidarsi alle tradizionali analisi dell’acqua e del terreno per capire come fare un programma di concimazione approssimativo, bassandosi sui numeri e sulla bibliografia spesso molto complessa e controversa. Questo perché è noto che le reazioni chimiche nel terreno dipendono da tanti fattori ed i risultati attesi possono variare di molto secondo tutta una serie di variabili, le quali sono complessi come la natura in sé. Oggi, la tecnologia ci offre la possibilità di comprendere quello che succede in brevissimo tempo, analizzando la linfa vegetale, che fornisce indicazioni piuttosto precise sull’equilibrio nutrizionale nelle varie fasi di crescita della pianta.

Il piano delle concimazioni moderno quindi non deve mirare ad arricchire il terreno di nutrienti minerali ma di nutrire la pianta secondo il suo fabbisogno e di favorire lo sviluppo di ricche popolazioni di batteri e fungi utili per la mineralizzazione dei nutrienti in forme organiche, maggiormente assimilabili dalle piante. Si favorire così una simbiosi tra piante con batteri e funghi nel terreno, sfruttando il potenziale della fotosintesi ed i nutrienti prodotti dall’attività microbiologica nel terreno.

Il meccanismo virtuoso si genera quando le piante forniscono ai batteri e funghi utili il carbonio solubile di cui hanno bisogno mentre loro prelevano i minerali nutritivi dal terreno e dall’atmosfera e li metabolizzano durante il loro ciclo di vita per cederli alle piante. I batteri ed i funghi hanno un ciclo di vita molto breve quindi, morendo, cedono i nutrienti in forma di celati organici ed aminoacidi quindi, maggiormente assimilabili dalle piante, le quali non devono consumare energia rispetto al nutrimento diretto in forma minerale.

Ottimizzando l’equilibrio nutrizionale le piante diventano maggiormente resistenti alle malattie comuni e meno appetibili agli insetti che come noto si nutrono dai residui vegetali ossia da tutto quello che non è sano quindi facilmente assimilabile dal loro semplice sistema digerente. Migliorando progressivamente la salute delle piante esse aumentano le proprie difese naturali e diventano immuni a malattie e difficili da digeribili dagli insetti pertanto le evitano. Questo consente di ridurre drasticamente l’uso di fitofarmaci che hanno spesso un ruolo devastante nell’attività biologica nel terreno e nella nostra salute.

La piramide della salute delle piante

Richiesta preventivo

Tutti i campi sono obbligatori

» Nota informativa sulla privacy (GDPR - European General Data Protection Regulation 679/2016)

Attenzione: la compilazione e invio di questo modulo elettronico sottintende l'accettazione di quanto indicato nella nota informativa sul trattamento dei dati

POWERgrass in the world

POWERgrass hybrid turf fieldPOWERgrass hybrid turf field

Synthetic turf fieldSynthetic turf field