eMail: Flag IT Sign inSign in
Menu

Progettazione

Le competenze del progettista sono spesso sottovalutate quando si tratta di campi sportivi, perché sembrano strutture semplici. Tuttavia, sono necessarie competenze trasversali e precisione nella progettazione, perché errori o omissioni possono generare costi aggiuntivi durante tutto il ciclo di vita dell'opera. Inoltre, un'area di 7-8 mila metri quadrati ha un impatto significativo sul patrimonio verde pubblico.

Il progetto di fattibilità tecnico ed economica richiede una visione olistica

Come disse il nostro presidente, "è tempo dei costruttori". Infatti, si intravede la luce in fondo al tunnel per superare la crisi più importante che abbiamo affrontato negli ultimi decenni, ma bisogna prepararsi perché nulla sarà come prima. La progettazione dei lavori pubblici è un argomento centrale che pochi sono preparati ad affrontare con una visione olistica. La maggior parte delle procedure previste dalle norme risultano inefficaci perché si tende la distribuire le responsabilità a più soggetti che di fatto producono incomprensioni e liti.

Per quanto riguarda i campi sportivi, che hanno un ciclo di vita relativamente breve, si fa riferimento alla distinzione tra manutenzione ordinaria e straordinaria come se l'una non dipendesse dall'altra. Il problema principale oggi in Italia è che mentre vengono offerti incentivi e finanziamenti per la realizzazione di nuove opere o l'adeguamento di infrastrutture esistenti, la manutenzione ordinaria non viene quasi mai finanziata.

Un cliente che lavora nella direzione di una primaria Banca Italiana ha detto che, nei loro progetti, la manutenzione ordinaria fa parte degli investimenti perché è l'unico modo per assicurarsi prestazioni e sicurezza per gioco e maggiore fruibilità per un periodo più lungo.

Dott. Niko Sarris

l'intaso in gomma crea microplastiche

Da un punto di vista progettuale, perché un progetto sia completo, occorre tenere conto dei costi operativi per la fase di utilizzo e manutenzione del campo, ma anche dell'impatto ambientale che esso produce durante il suo ciclo di vita. Uno studio di fattibilità che si limiti alla fase di costruzione e dismissione del campo non è sufficiente per implementare l'economia circolare. Molto spesso, nel tentativo di ridurre i costi di manutenzione, si rischia di fare scelte controproducenti nel medio-lungo periodo, entrando in uno dei punti ciechi dell'economia circolare. Un progetto apparentemente eco-efficiente non è necessariamente eco-efficiente, quindi può rivelarsi contrario agli interessi della comunità perché non compatibile con l'ambiente e con la necessità di creare occupazione qualificata.

Se abbiamo imparato una lezione da quest'ultima pandemia, è che solo prendendoci cura della salute, dell'ambiente e della nostra comunità possiamo avere uno sviluppo economico sostenibile. Il progetto di fattibilità deve quindi tenere conto anche dei costi di utilizzo e manutenzione, perché questa è la fase più lunga del bene e possiamo avere un impatto significativo. Per ottenere risultati efficaci, è necessario sviluppare un sistema di gestione ambientale digitalizzato per la rendicontazione delle attività, dei processi produttivi e per il monitoraggio di valori misurabili sui risultati ottenuti, affidando il compito di gestire il periodo di "uso e manutenzione" a persone qualificate.

Per quanto riguarda i campi sportivi ad uso intensivo, l'ultimo rapporto 2019 dell'ECHA (Agenzia Europea per le Sostanze Chimiche) ha evidenziato il rischio di inquinamento da microplastiche dovuto ai granuli di gomma presenti nell'intaso dell'erba sintetica e ha proposto alla Commissione Europea un divieto totale entro un massimo di 6 anni per dare all'industria il tempo di trovare alternative. Oggi esistono due alternative: a) l'erba artificiale con intaso vegetale al 100% che consente un gioco intensivo integrando gran parte dell'intaso consumato, oppure b) l'innovativo sistema di erba ibrida POWERgrass che offre le ore di gioco effettivamente necessarie per partite e allenamenti e costi di manutenzione ridotti.

Il miglior campo da gioco è sempre l'erba naturale 

L'erba naturale è la migliore superficie di gioco e i giocatori professionisti lo confermano perché la superficie sportiva è più fresca e stabile per giocare e riduce il rischio di distorsioni, lesioni e mal di schiena. D'altro canto, il numero di ore di utilizzo è limitato e i costi di manutenzione sono elevati.

Per far fronte alla crescente domanda di utilizzo e per ridurre i costi di manutenzione, gli operatori preferiscono installare campi artificiali, compromettendo la qualità del gioco perché modificano essenzialmente il rimbalzo e il controllo della palla e riducono la stabilità della superficie, soprattutto in condizioni di bagnato. Il divertimento degli spettatori diminuisce e il calore emanato dal campo artificiale non è certo gradito, ma sono i giocatori a rimetterci di più. La sicurezza dei giocatori è compromessa da fattori quali l'affaticamento precoce nelle giornate calde, la distorsione delle articolazioni crociate anteriori e posteriori a causa della ridotta stabilità della superficie artificiale e lo stiramento dei muscoli dovuto a scivolate improvvise sulla superficie bagnata. Diversi giocatori lamentano dolori alla schiena quando il campo è duro e le abrasioni cutanee sono frequenti quando le temperature superano i 30°C.

È ovvio che si gioca meglio sul campo artificiale che su quello naturale con le buche, ma se potessimo avere un manto naturale resistente per le partite e gli allenamenti, avremmo raggiunto l'obiettivo desiderato.

Dott. Niko Sarris

L'erba naturale è dominante nei sistemi in erba ibrida

Oggi esistono tappeti sintetici con un supporto aperto che permette alle radici di penetrare e ancorarsi, ottenendo così una maggiore resistenza allo strappo. Le fibre sintetiche che sporgono sulla superficie sopra l'intaso proteggono le piante dall'uso intensivo, formando una superficie di gioco durevole in cui prevale l'erba naturale, nota anche come "erba naturale rinforzata", "erba ibrida" o "erba mista".

Nei campi ibridi il gioco si svolge sull'erba naturale e la presenza dell'erba sintetica è quasi impercepibile, pertanto sono equivalenti ai campi in erba naturale sotto ogni punto di vista. I tacchetti delle scarpe interagiscono con l'erba naturale ma non alzano la zolla d'erba nei campi ibridi, pertanto il gioco si svolge con maggiore sicurezza e i danni all'erba naturale sono limitati, riducendo in particolare le operazioni di ripristino post-partita. Quando l'erba naturale subisce un danno, le fibre sintetiche garantiscono la continuità del gioco fino alla ricrescita, rendendo il lavoro del groundsman facile e veloce.

I sistemi di erba ibrida sono apprezzati dai giocatori professionisti perché rendono la superficie di gioco più stabile ancorando l'erba al supporto sintetico, che altrimenti cederebbe durante il gioco e formerebbe buchi potenzialmente pericolosi. Il giocatore si sente più sicuro e dà il meglio di sé, consentendo giocate spettacolari.

Problematiche e requisiti dei sistemi in erba naturale rinforzata

Per garantire l'efficacia di un sistema in erba rinforzata, le condizioni di crescita dell'erba naturale all'interno del manto sintetico devono essere preservate fin dal primo giorno dopo la semina, e poi a medio e lungo termine. Le aspettative in termini di ore di utilizzo del sistema rinforzato sono elevate, il che rende la sfida della cura dell'erba naturale ancora più grande. Non bisogna inoltre dimenticare che la presenza del manto sintetico limita talvolta la possibilità di interventi meccanici e spesso rende la superficie troppo solida sia per il gioco che per lo sviluppo radicale dell'erba naturale.

Dott. Niko Sarris

Tutti i sistemi in erba naturale rinforzata dovrebbero soddisfare le aspettative di maggiore resistenza e durata, ma l'esperienza ha sempre reso più complesso il lavoro dei tecnici della manutenzione. L'integrazione di un manto sintetico nell'erba naturale è stato un obiettivo perseguito dall'industria negli ultimi 25 anni, ma non sempre ha avuto successo.

Un buon sistema in erba naturale rinforzata deve avere caratteristiche molto specifiche per preservare le condizioni ideali di crescita dell'erba naturale, fornire le prestazioni e la sicurezza di gioco attese e richiedere una manutenzione significativamente inferiore a quella di un campo naturale. Questo è l'unico modo per preservare la giocabilità, contenere i costi di gestione e ridurre l'impatto ambientale. 

Gli esperti di tappeti erbosi naturali cercano di stimolare un apparato radicale ricco e profondo per resistere al gioco intensivo e agli stress ambientali, quindi la presenza di un tappeto erboso artificiale non deve limitare la crescita delle radici profonde. Un substrato di sabbia deve trattenere una buona quantità di acqua capillare, garantire la circolazione dell'aria e non deve indurirsi facilmente, perché una resistenza alla penetrazione superiore a 1500 kPa limita lo sviluppo delle radici.

Limitando il lavoro manuale post-partita di ripristino del manto erboso rialzato, il campo naturale rinforzato riduce significativamente i costi di manutenzione rispetto a un campo naturale. Nei campi ibridi efficaci, la manutenzione si limita alla coltivazione dell'erba naturale, facendo attenzione a non rovinare il tessuto di rinforzo, in modo che il sistema possa essere rinnovato più volte durante il suo ciclo di vita, senza la necessità di costosi lavori di sostituzione dell'intero sistema. A tal fine, tre aspetti sono fondamentali: a) il manufatto deve migliorare le condizioni di crescita dell'erba naturale, b) il manufatto deve essere resistente a molteplici operazioni di aerazione profonda e scarificazione intensiva, senza intaccare la struttura e la funzionalità del manufatto, e c) il sistema deve essere facile da rinnovare perché il manufatto è resistente e viene installato in situ con i rotoli di erba sintetica cuciti insieme a formare un'unica superficie, senza interruzioni, a differenza di quanto avviene con il trapianto di zolle di erba ibrida pre-coltivata in vivaio. 

Il sistema in erba ibrida POWERgrass risolve! 

Sezione POWERgrassSezione POWERgrass

Il sistema ibrido POWERgrass è stato sviluppato in modo olistico. Il supporto sintetico presenta numerosi fori tridimensionali disposti in modo uniforme che limitano la migrazione della sabbia, evitando così che i fori si intasino e induriscano il sistema. Il supporto sintetico è morbido ma resistente alla lacerazione e all'aerazione profonda e mantiene le sue caratteristiche nel tempo. Le radici dell'erba naturale crescono in profondità fin dal primo giorno di crescita e, una volta attraversato il supporto, sono protette dagli stress abiotici e biotici.

Le fibre sintetiche sono forti, resistenti e incollate termicamente al supporto tridimensionale per consentire una corretta installazione e facilitare la manutenzione, in modo che rimangano in posizione verticale per proteggere realmente le corone delle piante. Una volta installato il sistema, le fibre sintetiche sporgono di circa 20-25 mm nella superficie prima della semina.

ZOEsand è un ammendante per uso sportivo frutto di uno studio approfondito per migliorare le proprietà fisiche e chimiche della sabbia. È costituito da tre componenti essenziali: uno elastico, uno organico e uno minerale da miscelare alla sabbia di tipo USGA. ZOEsand rende il terreno di crescita più morbido, più fertile e più resistente alla compattazione del suolo.

Il sistema in erba ibrida POWERgrass è l'insieme di un manto in erba sintetica realizzato con un backing ad hoc, un substrato a base di sabbia ammendato con elementi elastici, organici e minerali tipo ZOEsand e l’erba naturale inseminata nel manto sintetico. Il sistema è installato in situ da personale esperto e la manutenzione viene sviluppata dal gruppo di lavoro secondo l'esperienza POWERgrass seguendo i principi dell'agricoltura rigenerativa per ottenere anche un impatto ambientale positivo. 

Criteri di selezione campi da giocoCriteri di selezione campi da gioco

Il risultato finale di un'installazione ben riuscita è una superficie sportiva con maggiore trazione, stabilità e morbidezza, altamente drenante per giocare in sicurezza anche sotto la pioggia, anche senza erba naturale e, soprattutto, senza buche pericolose.

L'erba naturale con le sue radici si ancora nei fori del supporto e allo stesso tempo aggrega la sabbia all'erba sintetica. Il sistema è quindi funzionale e appropriato nelle aree a rischio alluvionale, tiene conto della necessità di un'elevata permeabilità ma riduce il rischio di disperdere rifiuti o sostanze inquinanti nelle falde acquifere.

La durata del sistema è indefinibile, senza una data di scadenza, se viene mantenuto regolarmente grazie alle capacità di auto-riparazione dell'erba naturale. Nel contesto della gestione di un centro sportivo tra i 10 e i 20 anni, è la scelta migliore perché riduce i costi di gestione e permette di restituire il campo in uno stato migliore.

Allegati

  1. POWERgrass - Alternativa Green IT 2022-03.pdf

Chiedi un preventivo senza impegno, è semplice e veloce!

Tutti i campi sono obbligatori!

» Nota informativa sulla privacy (GDPR - European General Data Protection Regulation 679/2016)

Attenzione: la compilazione e invio di questo modulo elettronico sottintende l'accettazione di quanto indicato nella nota informativa sul trattamento dei dati!

POWERgrass in the world

POWERgrass hybrid turf fieldPOWERgrass hybrid turf field

Synthetic turf fieldSynthetic turf field